Zero

Ho deciso di chiamarlo Zero perché per me rappresentava appunto l’inizio. L’inizio della mia passione nel creare musica elettronica. Mica facile, credetemi, soprattutto poi per uno come me che non sa mettere una sola nota sul pentagramma.  Ho iniziato quindi a cimentarmi con FLStudio. E devo dire che non è mica stato facile. E’ un programma molto complesso, pieno zeppo di opzioni, che permette però di fare esattamente quello che piace a me. Vi ricordate la musica progressive degli anni ’90? Ecco, è esattamente la musica che piace a me. E’ la musica perfetta per chi in pista chiude gli occhi e segue ritmi lenti, minimalistici e spaziosi. Come un mantra, un techno mantra.  Normalmente poche pochissime note, grandi aperture quasi epiche, e un ritmo che sembra la colonna sonora perfetta per una sequenza a rallentatore o un fermo immagine. Sì, se mi chiedete di definirla, la definirei così. Prima di lanciarmi in questo progetto ne ho ascoltata tanta. A cominciare dal mio mito Boris Brejcha, fino agli immensi Above & Beyond. Qui sotto c’è la Studio version di Sublime.  E’ la versione eseguita da FLStudio, per gli appassionati di strumenti VST e di un po’ di tecnica. Buon ascolto!

Leave a Comment